GESTIONE DELLA GRAVIDANZA AD ALTO RISCHIO

SCELTE DIFFICILI ISPIRATE ALL'ETICA. GESTIONE PRATICA IMPOSTA DAI COSTI. MANAGEMENT CLINICO SUGGERITO DA EBM.

Da 7 anni organizziamo questo Congresso sul tema della Gravidanza a Rischio, che si è conquistato un piccolo posto e considerazione nel panorama scientifico italiano ed europeo. La scelta dell’argomento è stata legata di anno in anno alla necessità di investire in questo campo della formazione, al fine di ridurre gli esiti sfavorevoli, a volte drammatici, che una gravidanza a rischio comporta.
La scelta del taglio, della chiave di lettura e delle impostazioni delle relazioni che abbiamo sinora dato è stata quindi fortemente specialistica e suggerita dalla necessità di confrontarsi dialetticamente con le procedure consigliate dalle Linee Guida, dal bisogno di affrontare con approccio multispecialistico queste patologie, dalla necessità di conoscere sistemi biotecnologici emergenti, dall’attenzione all’emotività della paziente ma anche del sanitario, dalla presunzione di strutturare sistemi eccellenti di cura.

Quest’anno il sottotitolo del congresso presenta due termini: Etica e Costi, che in teoria possono apparire lontani nel significato e senza alcuna correlazione, specie in un percorso di somministrazione di cure. Eppure così non è in quanto, quotidianamente siamo chiamati come Medici a compiere scelte improntate a principi condivisi di Etica e come manager del Sistema Sanitario Nazionale a gestione di processi di cure che contengano i costi delle stesse.
La domanda che allora ci poniamo è se la necessità del contenimento dei costi non prevalga, costringendoci a scelte che potrebbero essere in contraddizione con quell’Etica condivisa, cui prima accennavamo.
Viene quindi da chiedersi se esistano diversi livelli di Etica coinvolti in scelte sanitarie: la risposta è affermativa in quanto un primo livello riguarda le scelte politiche di una nazione, con destinazione o meno di risorse in determinati settori di cura o di prevenzione, il secondo può definirsi più periferico, riguardando la distribuzione dei servizi sul territorio, ove vengono privilegiate determinate aree o determinati percorsi assistenziali, la terza può riguardare una singola unità operativa, ad esempio nel momento in cui si investe o meno nella formazione culturale e psicologica del personale medico o il rafforzamento strutturale, con particolare attenzione a principi di sicurezza del paziente. L’ultima è quella più immediata e correlata a principi di Etica, quando il sanitario è chiamato a compiere scelte cliniche, che spesso riguardano soggetti in conflitto tra loro.
La domanda finale che poniamo ed intendiamo discutere nel congresso è allora quanto Etico sia un contenimento dei Costi di gestione della gravida a rischio, quando questo è imposto da esigenze di bilancio statale o regionale e non da un appropriato e soprattutto corretto utilizzo delle stesse, tenuto conto che il target della Salute della paziente comporta un budget di risorse non comprimibile oltre un certo limite.
Chiediamo allora che i costi di gestione siano quelli definiti da criteri di appropriatezza della cura, qualunque essi siano, suggerendo di reperire, nel bilancio di uno Stato, le risorse necessarie in altri settori di attività, ove lo spreco se non la malversazione sono presenti in entità sicuramente non inferiori a quelli del settore della Salute Pubblica.
Questo è a nostro avviso un approccio Etico al sostegno dei Costi che la tutela della Donna impone.

News

Domenica, 17 Aprile 2016

Lo Studio di Joyce è un bed & breakfast che vi permetterà di scoprire la nostra bellissima città da una location privilegiata. Vi...

Giovedì, 28 Maggio 2015

Discover Trieste è la piattaforma ufficiale della città di Trieste, dove trovare cose da fare e da vedere, scoprire musei, itinerari...

Mercoledì, 07 Maggio 2014

Arte, Letteratura, Cucina e tanto altro ancora... per scoprire Trieste

Trieste è una città tutta da scoprire...